progettazione acustica - isolamento acustico - insonorizzazione industriale

La progettazione acustica: applicazioni di una disciplina a servizio delle industrie e dell'edilizia civile

L'acustica

L'acustica è una branca della fisica che studia il suono, le sue cause, la sua propagazione e la sua ricezione.

In particolare occorre prestare particolare attenzione in ambienti che devono avere particolari caratteristiche acustiche.

Quali auditorium e teatri e negli ambienti particolarmente rumorosi.


La progettazione acustica nell'edilizia civile

progettazione acusticaNell'edilizia civile la disciplina della progettazione acustica studia come si propaga il suono da un ambiente all'altro e calcola il giusto grado di isolamento acustico in relazione alle caratteristiche fisiche degli elementi dell'edificio che dividono le stanze, i diversi piani e, in generale, l'ambiente esterno da quello interno.

Nella progettazione acustica di particolari ambienti, come teatri, auditorium e sale d'incisione, è necessario l'intervento di consulenti acustici altamente specializzati in grado di eseguire simulazioni computerizzate per ottenere il migliore risultato geometrico per la propagazione del suono.



La progettazione acustica per l'insonorizzazione industriale

progettazione acustica: insonorizzazione industrialeLa progettazione acustica non trova applicazione esclusivamente in ambito civile, ma anche in quello industriale.

Spesso le industrie presentano processi produttivi particolarmente rumorosi.

In questi casi è indispensabile controllare la propagazione del rumore mediante interventi di insonorizzazione industriale, valutati con una corretta analisi di progettazione acustica.



Il protocollo della progettazione acustica

In tutti i casi in cui si rivela necessario uno studio di progettazione acustica, è fondamentale che venga rispettato un protocollo al fine di valutare correttamente gli interventi più opportuni e di dimensionare correttamente i dispositivi di assorbimento-isolamento acustico.

Per prima cosa, cioè, dovranno essere identificate le sorgenti di rumore; successivamente, tenendo in considerazione gli ingombri strutturali ed impiantistici esistenti, si dovranno valutare diverse ipotesi di intervento, fino alla definizione di un progetto specifico di insonorizzazione.

Una progettazione acustica eseguita a regola d'arte, deve infine prevedere il collaudo e la verifica dei risultati ottenuti con gli interventi messi a punto.




Abbiamo dedicato una sezione alla presentazione delle migliori aziende italiane che si occupano di progettazione acustica »
Consultando questa sezione troverai sia la descrizione delle ditte e della loro attività, sia esempi pratici di interventi da loro eseguiti.

Se, invece, desideri informazioni su un'esperienza diretta riguardante la progettazione acustica, visita la pagina dei case history»
Matis Insonorizzazioni
Matis Insonorizzazioni Srl

operiamo con esperienza nel settore della progettazione acustica eseguendo interventi di isolamento acustico, insonorizzazione industriale, trattamenti ambientali, realizzazioni di auditorium, sale d'incisione e teatri.


Per informazioni chiamaci
dal lunedì al venerdì



Tel. 0522 90.03.21

oppure visita il sito
www.matisinsonorizzazioni.com


progettazione acustica: auditorium di Terni

esempi di progettazione acustica
di Matis Insonorizzazioni

progettazione acustica: una piscina















NEWS

  • Efficienza energetica negli edifici, ecco i tre nuovi decreti
    03/07/2015 - Dopo aver acquisito l’intesa della Conferenza Unificata e le firme dei Ministri competenti, stanno per essere pubblicati in Gazzetta Ufficiale i tre decreti del Ministero dello Sviluppo Economico che completeranno il quadro normativo in materia di efficienza energetica negli edifici.   Attestato di Prestazione Energetica - APE Il primo decreto (scarica bozza del 26 giugno 2015) contiene le nuove linee guida nazionali per l’Attestazione della Prestazione Energetica degli edifici (APE 2015). Il nuovo modello di APE - spiega il Ministero - sarà uguale per tutto il territorio nazionale e offrirà al cittadino, alle Amministrazioni e agli operatori maggiori informazioni riguardo l’efficienza dell’edificio e degli impianti, consentendo un più facile confronto della qualità energetica di unità immobiliari differenti e orientando il mercato verso edifici con migliore qualità energetica.   Le cla..Continua a leggere su Edilportale.comfonte: http://www.edilportale.com(riproduzione riservata)
  • Il programma 6000 Campanili potrebbe diventare strutturale
    03/07/2015 – Potrebbe diventare strutturale, fino al 2020, il programma 6000 Campanili. La proposta è stata avanzata durante l’esame alla Camera del disegno di legge per il sostegno dei piccoli comuni, dei territori montani e per la riqualificazione dei centri storici.   La proposta di legge prevede misure per i comuni con popolazione pari o inferiore a 5 mila abitanti e dei territori montani e rurali, che sono circa 5.700, e ridisegna il sistema di governo di tali aree, introducendo sistemi di remunerazione dei servizi ambientali.   Nei giorni scorsi in Commissione Ambiente e Bilancio è stato presentato un nuovo testo che, oltre al programma 6000 Campanili, prevede la riqualificazione dei centri storici.   Programma 6000 Campanili Il nuovo testo prevede di attingere dai fondi per il programma di coesione 2014-2020 per rendere strutturale, fino al 2020, il programma 6000 Campanili. Nell’accesso ai finanziamenti sarà data pr..Continua a leggere su Edilportale.comfonte: http://www.edilportale.com(riproduzione riservata)
  • Opere incompiute, Delrio: 'una task force per sbloccare quelle meritevoli'
    03/07/2015 – Sono 649 le opere pubbliche incompiute in Italia al 31 dicembre 2014, secondo l’aggiornamento che le singole Regioni hanno trasmesso all’Anagrafe delle Opere Incompiute di interesse nazionale.   Tale cifra è destinata ad aumentare con i risultati della Sicilia che è l’unica Regione a non aver ancora pubblicato gli elenchi aggiornati.   Opere incompiute, le situazioni regionali Secondo gli elenchi, pubblicati sull’apposito sito del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, sono 40 le opere statali o sovra-regionali non ancora completate e per concluderle servirebbero circa 710 milioni di euro. Tra le regioni con un maggior numero di opere non ancora completate vi sono la Calabria (93 incompiute), la Puglia (81) e la Sardegna (65).   La più virtuosa la Provincia autonoma di Trento che segnala di non avere opere incompiute, a seguire la Valle d'Aosta (1 opera incompiuta) e la p..Continua a leggere su Edilportale.comfonte: http://www.edilportale.com(riproduzione riservata)
  • Moduli Unici per l'edilizia, la Sicilia ne fa a meno
    03/07/2015 – Con una circolare inviata a tutti i Comuni, la Regione Sicilia ribadisce di essere esente dall’adeguamento ai modelli unici nazionali di CIL (Comunicazione inizio lavori) e CILA (Comunicazione inizio lavori asseverata) per i lavori di edilizia privata.   Già in precedenza la Regione aveva preso questa decisione, che ora ratifica a tutti i Comuni, perplessi per il mancato “adeguamento normativo” entro il termine previsto per l’adozione dei moduli.   Modelli unificati per l'edilizia in Sicilia La Sicilia ricorda che le Regioni a statuto speciale hanno competenza legislativa esclusiva in materia urbanistica e di conseguenza le disposizioni del Testo unico sull'edilizia (DPR 380/2001) non operano direttamente nell’ordinamento regionale, se non limitatamente a quelle disposizioni regionali già emanate che espressamente ne fanno un rinvio “dinamico”.   La Regione evidenz..Continua a leggere su Edilportale.comfonte: http://www.edilportale.com(riproduzione riservata)